Sunnei: realtà o finzione?

Sunnei: realtà o finzione?

Simone Rizzo e Loris Messina presentano la collezione autunno inverno 2021/2022 con il consueto formato dissacrante e sostenibile.

Difficile definire cosa sia proiettato e cosa concreto, dove finisca la vera realtà e dove inizi quella digitale: la collezione co-ed fall winter 2021/22 di Sunnei trascina in un vortice di vertigine digitale.

Nel suo veloce incedere, una modella si scontra contro un vetro: questa immagine diventa lo sfondo dello show, durante il quale le riprese si moltiplicano inesorabili, in un incrocio di diverse prospettive, per mezzo delle quali viene ripresa la messa in scena dei look ideati per il prossimo inverno dal geniale duo Rizzo-Messina.

I flash impazzano nella sala buia, riprendendo dettagli, volti e accessori fluo: la musica cambia e boots ricoperti di gommini a contrasto, maxi shopper stampate, stivali alti colour block si impadroniscono della scena.

Capienti tasche accoppiate diventano borse e le stesse tasche ricoprono giganti capi in maglia. Tutto è doppio: dai tessuti di mano diversa sullo stesso top, alle borse, alle tinte diverse davanti e dietro. Vastissima la palette cromatica.

Non manca la vena ironica e dissacrante, marchio di fabbrica di Sunnei: i modelli si specchiano sul pavimento, incrociano i loro passi con le immagini dipinte di se stessi, i loro contorni si sfocano per poi ricomparire nitidi dietro lo schermo di uno smartphone tenuto nelle mani di una donna.

Da sempre innovativo, Sunnei non smette di proiettarsi verso il futuro.