Raffaello Bettini: l’artigianalità del cappello

Raffaello Bettini: l’artigianalità del cappello
Credits: Raffaello Bettini collezione fall winter 20/21 | Stove Magazine and Communication s.r.l.s. | Ph. Antonio Mocchetti

Marchio artigianale e made in Italy nato nel 1938, Raffaello Bettini per questo autunno interno 2020/21 crea una collezione caratterizzata dalla sperimentazione stilistica.

Eccellenza tutta italiana nella lavorazione artigiana del cappello, la storia dell’azienda Raffaello Bettini ha il sapore di un’affascinante saga familiare e rappresenta un esempio unico di intreccio di tradizione e innovazione.

Giovanni Papini, oggi è a capo dell’azienda e custode dell’eredità industriale donatagli dal nonno Raffaello Bettini, artefice della nascita dell’azienda a proprio nome.

Una vera e propria attività di successo, sviluppatasi negli anni anche con l’esportazione dei prodotti sui principali mercati esteri, in cui la capacità di rinnovarsi e guardare al futuro, sempre però ispirandosi al passato e reinterpretandolo, attraverso la continua ricerca di materiali, colori, abbinamenti e stili, costituisce il principale punto di forza del marchio.

Filosofia che si ritrova anche nella collezione invernale 20/21. Protagonisti: i cappelli in misto feltro/lana, che riassumono e combinano le due lavorazioni tipiche della manifattura fiorentina, diventati segno distintivo della produzione dell’azienda e reinterpretati con abbinamenti cromatici inediti.

Il risultato è una collezione sperimentale, aggiornata ed innovativa.