Gli omini di Keith Haring nella collezione autunnale Benetton

Gli omini di Keith Haring nella collezione autunnale Benetton

A trent’anni dalla morte del celebre street artist, Benetton realizza una collazione in collaborazione con la Keith Haring Foundation.

Con il 2020 sono passati 30 anni dalla morte dello street artist Haring e, per il direttore artistico di Benetton Jean-Charles de Castelbajac, la collezione di quest’autunno dedicata all’artista, disponibile sia per gli adulti che per i bambini, è un modo per farlo conoscere alle nuove generazioni.

Cresciuto fino a diventare popolare grazie ai disegni spontanei e alle figure stilizzate realizzate nella metropolitana di New York City, il lavoro di Haring è da sempre simbolo della cultura pop anni 80. Dopo il riconoscimento pubblico, Haring crea inoltre opere di grandi dimensioni e cerca di mantenere sempre viva l’attenzione al suo lavoro, anche rendendolo accessibile al grande pubblico attraverso l’apertura di pop-shop a NY e Tokyo.

Questo modo di concepire l’arte – portando avanti le idee che negli anni Cinquanta e Sessanta avevano animato il movimento della Pop Art – ha poi avuto un grande seguito. Haring fu molto criticato da chi vedeva nella commercializzazione uno svilimento dell’arte.

Quest’autunno si vedranno anche in una nuova collezione di Benetton realizzata in collaborazione con la Keith Haring Foundation. Le magliette, le felpe e i giubbini della collezione, rispecchiano lo stile di Haring non solo perché ne riproducono le opere, ma anche per colori e forme: larghi e comodi, unisex e di tonalità accese, come gli abiti che potrebbero portare i gioiosi personaggi disegnati dall’artista.