Campari e il cinema

Campari e il cinema
Fellini Forward tra Intelligenza Artificiale e creatività cinematografica - Campari Red Diaries 2021

Il nuovo volume a cura dell’autore e critico, Gianni Canova, pubblicato dalla casa editrice italiana Skira. Disponibile dal 9 dicembre.

Gianni Canova ci racconta come la passione per l’arte e la creatività di Campari siano intimamente connesse.

Da sempre, infatti, l’arte cinematografica ha rappresentato il motore per sperimentare e dare vita a progetti, ogni volta diversi e inattesi, densi di simbolismi e di passi in avanti che sono rievocazione d’altri tempi.

Un universo sempre ricco di declinazioni e di un’evoluzione espressiva che, dopo le esperienze dei Red Diares, è sfociato nel 2021 in una nuova produzione, Fellini Forward, un progetto pionieristico ispirato a Federico Fellini che esplora il genio creativo di uno dei più grandi cineasti di tutti i tempi.

I saggi pubblicati in questo volume, articolato in quattro sezioni (Rivoluzione cinema, Rivoluzione Campari, Campari e il cinema: un’attrazione fatale, Il cinema nell’era dell’AI), offrono al lettore uno sguardo di ampio respiro sulla storia del grande schermo, unendo i contributi critici di Gianni Canova, Giuseppe Mazza, Rocco Moccagatta, Guido Cornara e Guido Di Fraia.

Gianni Canova, durante la serata di presentazione al Cinemino di Milano, ha voluto omaggiare la forza del cinema che sta nel suo sapersi reinventare e rinnovare costantemente: «Il cinema per certi versi ha salvato il mondo. Non conosce frontiere, arriva ovunque. Nasce muto e non ha bisogno della parola per cominciare ed esistere. Ha sempre svolto una funzione modellizzante sulla società».

Passione e creatività, un dialogo sempre aperto che nel libro viaggia attraverso le epoche della modernità, partendo dalla volontà di raccontare Davide Campari e la sua passione per l’arte cinematografica, che ha costituito il motore per sperimentare e dare vita ad iniziative ogni volta variegate, grazie ad una fitta rete di rimandi.

Il volume mostra come il lavoro di Campari e dei registi con cui ha collaborato negli anni, sia inserito in una storia ancora più grande e nobile.

Una celebrazione dell’arte e del talento in tutte le sue forme. Cin Cin.